Destinazioni

Aree Tematiche

Trova Hotel

Treviso Province
All world cities


Treviso Meteo

Mer Gio Ven Sab

Rete Fiere

Categorie Eventi

Follow us on...

Facebook LinkedIn Twitter YouTube
Banner
Banner
Malanotte - Raboso Piave D.O.C. PDF Stampa E-mail

navole_bigIn un tempo in cui uno dei primi doveri morali di un vignaiolo è difendere il proprio prodotto dalle insidie della globalizzazione attraverso la proposta della tipicità, unicità e irripetibilità dello stesso, i produttori di Raboso Piave Doc hanno voluto, con la denominazione “Malanotte”, porre l’accento sull'esclusività di questo vino, il quale ha già la fortuna di essere “Raboso Piave” e di godere quindi di un nome indissolubilmente legato al proprio territorio, ma che ora, con il nome “Malanotte”, si lega ancora di più alla propria Storia, tutelandone l’esclusività e attribuendogli un nome diverso da quello del vitigno, uguale solo al vino prodotto secondo il disciplinare della Doc “Vini del Piave”. Il Raboso è un vino di antichissima origine, il suo nome deriva forse dall'omonimo affluente del fiume Piave, vino prodotto da uno dei rari vitigni presenti nel Nord-Est d’Italia prima dell’avvento di Roma.  Per secoli il Raboso fu il solo vino che la Serenissima riuscì ad esportare anche fino in oriente. Ecco perchè il Raboso era definito anche "vin da viajo", vino da viaggio. Merito delle sue caratteristiche di varietà robusta, ricca di tannini e con un'alta percentuale di acidità, resistente a muffe e peronospora. Inoltre non teme il freddo, la siccità ed il passare del tempo. Esso porta a pieno titolo il nome di “Piave”, sia per origini storiche che per una presenza rimasta costante nel corso dei secoli nella terra bagnata dalle acque del fiume sacro agli eroi della prima guerra mondiale. Il grappolo è abbastanza grande, di forma cilindrica, con una o due ali anche evidenti, compatto, con peduncolo robusto e legnoso. La polpa è caratteristica, a sapore neutro, leggermente carnosa, dolce-acidula-astringente. Lasciato maturare in botti di legno, acquista col tempo un bel colore rosso rubino carico, con riflessi granati, uno splendido bouquet ampio e pieno che ricorda le violette di campo e anche, marcatamente, il profumo di marasca. Il Raboso Piave, raggiunta la sua piena maturità, è uno dei grandi vini rossi italiani, ottimo con la cacciagione di pelo e di piuma, le carni rosse, le grigliate e i formaggi molto invecchiati. È pure un eccellente vino da meditazione, compagno ideale delle lunghe sere invernali fra amici.

www.casaroma.com

 

Prima Ricetta: Gnocchi con radicchio, salsiccia e vino raboso

DSCF0260-1

Ingredienti per 4 persone:

Patate a pasta bianca - 800 g
Farina - 250 g
Uova - 1
un pizzico di noce moscata e un pizzico di cannella
Sale e pepe
Prezzemolo, erba cipollina
Montasio stravecchio
Per la salsa :
150 gr. di salsiccia fresca
350 gr. di radicchio tardivo di Treviso
1 spicchio di aglio , 2 chiodi di garofano, tre foglie di alloro
100 ml di vino raboso novello

Per la preparazione:

Lessare le patate con la buccia; pelarle ancora calde e passarle con lo schiacciapatate, salarle, aggiungere l'uovo e il pizzico di noce moscata, il pizzico di cannella e la farina. Impastate velocemente e formate dei gnocchetti non molto grandi e se vi fa piacere passateli sui rebbi di una forchetta per dargli la sagoma. Porre sul fuoco un tegame con l’olio e lo spicchio d’aglio intero sul quale conficcherete i due chiodi di garofano; dopo qualche minuto aggiungere la salsiccia privata delle pelle e tritata grossolanamente e le foglie di alloro; cuocere a fuoco dolce per 10 minuti, dopo aggiungere 100 ml. di vino raboso novello e il radicchio di Treviso tritato, continuare la cottura a fuoco dolce per altri 25 minuti. Togliere lo spicchio d'aglio.Lessare gli gnocchi e poi farli saltare nel sugo. Spolverare il piatto con del prezzemolo fresco, dell’erba cipollina e delle scaglie di montasio stravecchio.
P.s. visto che il vino novello si trova per un breve periodo all’anno, in alternativa si puo’ usare del vino raboso normale, l’importante è che sia vino raboso, un vino rosso, amabile e leggermente frizzante.

Seconda Ricetta: Anatra al Raboso Piave

anatra_raboso

Ingredienti per 4 persone:

mezza anatra muta nostrana
una cipolla grande
un rametto di rosmarino
50 gr. di capperi, olio d’oliva
fior di farina, vino raboso, sale pepe.

Per la preparazione:

Pulisci lava e lascia asciugare l’anatra; tagliala a pezzi e passala nel fior di farina. Prepara un pesto con cipolle, capperi, rosmarino e soffriggi il tutto nell’olio. Poi metti i pezzi d’anatra a rosolare insaporendoli con sale e pepe. Appena prendono colore copri il tutto col vino e porta a cottura a fuoco lento. Quando sono cotti controlla l’insaporimento e mandali in tavola con polenta calda…gustali con dell’ottimo vino rosso.

 
Copyright © 2017 Discover Treviso. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
doctors.com website