Destinazioni

Aree Tematiche

Trova Hotel

Treviso Province
All world cities


Treviso Meteo

Mer Gio Ven Sab

Rete Fiere

Categorie Eventi

Follow us on...

Facebook LinkedIn Twitter YouTube
Banner
Banner
San Pietro di Feletto - Pieve di San Pietro PDF Stampa E-mail

sanpietrodifelettochiesasanpietro_1Arte, storia e antica religiosità: c’è un luogo dove immergersi in uno dei paesaggi più belli della Marca trevigiana, si può trovare tutto ciò. A chi percorre la Strada del Vino Bianco in direzione di Conegliano, appena oltrepassato l’abitato di Refrontolo, si apre un ampio orizzonte di colline. Tra i filari di rinomate vigne, tra macchie create da alberi e caseggiati si erge la Pieve di San Pietro di Feletto. “Feletto” è la corruzione popolare di “Felicetus”, terra delle felci, e sembra che li esistesse un tempio pagano ancora nella notte dei tempi. L’esistenza della chiesa è accertata in epoca barbarica ma non si escludono origini paleocristiane.
Nelle linee romaniche esteriori, l’edificio religioso non fa mistero dei numerosi rimaneggiamenti che si sono succeduti nei secoli. Ma ciò che veramente vale una sosta alla Pieve, come ai tempi dei grandi pellegrinaggi medievali, sono i dipinti che essa ostenta sulle pareti. È forse l’unica occasione per ammirare una Madonna con in braccio il Bambino che succhia il latte del “biberon”. Non in un dipinto postmoderno, ma in un affresco medievale nel portico esterno, nel quale una vescica colma di latte nelle mani del Gesù Bambino è rara testimonianza di un oggetto antesignano del poppatoio. E sempre sotto il portico, alla destra del portale, vi è “Il Cristo della domenica”, un originale ritratto del Redentore, raffigurato ferito dalle azioni che violano il patrimonio pittorico della Pieve. Una serie di immagini romanico-bizantine di Santi occupa la parete destra della navata centrale. Gli affreschi furono scoperti nel 1954 sotto altre opere del 1400, raffiguranti la “Bibbia dei Poveri” ed ora allestite sulla parete opposta. La Pieve era un tempo l’unica chiesa del distretto ad avere il fonte battesimale. Anche se l’attuale pozzetto risale al 1966, la cappella che lo ospita lascia intuire quale importanza rappresentasse la facoltà di creare nuovi cristiani. La storia di San Damiano, affrescata nel 1400, ne impreziosisce le pareti. I ritratti dei Profeti sopra l’arco di uscita, tradiscono nei copricapi la mano di un artista nordico, una testimonianza che comprova l’importanza della chiesa per il traffico dei pellegrini europei. Oggi vicina alle rotte turistiche, l’antica Pieve è divenuta chiesa parrocchiale.


Pieve di San Pietro
Via Roncalli 1
San Pietro di Feletto (TV)



 
Copyright © 2017 Discover Treviso. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
doctors.com website