Destinazioni

Aree Tematiche

Trova Hotel

Treviso Province
All world cities


Treviso Meteo

Mer Gio Ven Sab

Rete Fiere

Categorie Eventi

Follow us on...

Facebook LinkedIn Twitter YouTube
Banner
Banner
Villa Rinaldi Barbini PDF Stampa E-mail
rinaldiÈ una delle più significative ville della provincia, situata al centro di una vasta tenuta, divisa tra il colle e il piano. La costruzione venne iniziata alla fine del Cinquecento e presenta un impianto simmetrico, il fronte principale è concepito come un'interrotta successione di episodi tratti dal repertorio classico. Alcune somiglianze con la vicina Villa Barbaro accreditano l'idea che l'edifico possa essere stato inizialmente progettato da uno dei tanti seguaci di Palladio, sparsi tra Cinque e Seicento, nella terraferma veneziana. L'assetto definitivo della villa è dovuto a uno dei proprietari, Francesco Rinaldi; figura, abbastanza comune in quegli anni, cultore dell'arte e dell'architettura, egli trasforma e allarga l'edificio nel 1663 con l'ambizioso proposito di farne una delle più grandi ville della terraferma: viene cosi sopraelevato di un piano il corpo centrale e vengono ampliate le due ali di congiungimento con i blocchi laterali, anch'esse sottoposte all'opera di trasformazione. Ne scaturisce un nuovo impianto prospettico, assai unico delle ville venete del Seicento: con il suo movimento ascendente il fronte del corpo centrale domina l'intera composizione.
rinaldi_internoNella facciata centrale un'ingresso, poco enfatizzato architettonicamente, e dominato dalla sovrapposizione di due trifore balconate. Ai suoi lati, la leggerezza delle logge di raccordo sottolinea la centralità del corpo mediano dove l'attenzione dell'osservatore è attratta dal centro della composizione e in particolare dal coronamento del timpano, dalle insegne nobiliari e dalle statue. Francesco prima, i suoi eredi dopo, commissionarono a pittori di scuola veneta una serie di affreschi nelle sale interne. Andrea Celesti, rinomato pittore della scuola del Veronese, è inizialmente chiamato a dipingere il salone e le stanze centrali con scene prese dalla storia sacra e dalla mitologia classica. Ricche di soluzioni illusionistiche la "Stanza dell'Olimpo" e la "Stanza delle Ore" rappresentano le migliori opere del Celesti. Nel corso del Seicento due pittori minori, Liberi e Diziani, vengono incaricati di affrescare le scale del corpo centrale e le logge delle gallerie di raccordo. Un secolo dopo la costruzione della villa padronale, vennero realizzati i due oratori; uno privato e dedicato a San Gaetano e l'altro pubblico dedicato a Santa Eurosia. L'oratorio pubblico venne costruito a seguito di un diluvio di pioggia torrenziale che il 14 giugno 1760 spazzò via i muri della chiesa e atterrò il campanile. L'oratorio, per pala d'altare, aveva una tela esagonale rappresentante il martirio di Santa Eurosia, opera pregevole del Settecento purtroppo venduta ai primi di questo secolo. Il parco: diviso fra il colle ed il piano, nell'uno prevalgono prati, boschi e frutteti, nell'altro campi coltivati. Il giardino retrostante la villa sfrutta la pendenza del terreno articolandosi in livelli differenti, ciascuno dei quali racchiude la prospettiva entro una quinta di verde. Uno di questi è racchiuso entro una esedra arricchita da rampicanti e da statue. Secondo l'uso seicentesco, il giardino è poi abbellito da grotte e da fontane. La villa è oggi una residenza privata.

Villa Rinaldi Barbini
31011 Casella d'Asolo, Asolo (TV)

Visitabile solo esterno


 
Copyright © 2017 Discover Treviso. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
doctors.com website