Destinazioni

Aree Tematiche

Trova Hotel

Treviso Province
All world cities


Treviso Meteo

Mar Mer Gio Ven

Rete Fiere

Categorie Eventi

Follow us on...

Facebook LinkedIn Twitter YouTube
Banner
Banner
Fornace Guerra Gregorj ceramica PDF Stampa E-mail

logmux


Esempio originale e pregevole di archeologia industriale nella provincia di Treviso, a S.Antonino a pochi kilometri dalla città, nei pressi del fiume Sile, per secoli importante arteria commerciale. Dichiarato "testimoninanza preziosa di un vecchio mondo in via di sparizione" nel decreto del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali del 10/6/1987, che pone il sito sotto la tutela della legge del 1/6/1939 n.1089.
Il complesso, costituito da vari edifici, evidenzia nella progressione degli interventi, l'evoluzione industriale italiana collegata sia all'attività agricola che agli influssi culturali europei ed anche orientali, come appare evidente dalla facciata a nord-est, ornata da un fregio in ceramica, attualmente in fase di restauro, rappresentante una danzatrice giapponese.

La sala degli artisti:
In questa sala operarono accanto ai laboratori per gli operai, realizzando quel concetto di arte applicata all'industria, allora molto sentita per gli influssi Europei e proponiata  dallo stesso Gregorio in diversi scritti , numerosi artisti. I rapporti con i movimenti culturali stranieri erano continui e la Fornace non era solo in relazione con rappresentanti  dell'arte giapponese , ma anche subiva il fascino di altre ideologie che spezzavano i legami col passato e facevano intravedere i baluardi dell' arte nuova. Pubblicazioni francesi, inglesi, tedeschi , ungheresi erano consultate dagli artisti che poi ricreavano modellando nella creta o dipingendo nelle piastrelle le loro ispirazioni.
In questa sala, lavorarono numerosi artisti che qui si ritrovavano liberamente anche con persone di cultura esterne alla fornace, per eseguire le loro prove, perfezionare le loro proposte e poi dipingere, modellare, decorare le loro opere. A disposizione vi erano numerose pubblicazioni italiane e straniere, ungheresi, tedesche, inglesi, francesi e giapponesi. Accanto alla sala degli artisti erano attivi altri laboratori dedicati alla manifattura e pittura di vasi in terracotta, alla falegnameria e al ferro battuto. A tutto il lavoro che veniva svolto nei laboratori, sovrintendevano gli artisiti e l’imprenditore, che collaboravano nella realizzazione di nuove proposte. Uscirono opere di piccole e grandi dimensioni, in linea col gusto di fine ottocento o delle stile floreale o delle tendenze degli anni venti.

busta1

 

Giorgio Gregorj aveva superato senza esami la licenza liceale (allora erano esonerati gli studenti che avevano ottenuto durante l'anno la media del sette). Si  laureò in ingegneria a Padova a 22 anni. Partecipò alla spedizione in aiuto dei terremotati di Reggio e Messina colpiti dal sisma del 28 dicembre 1908, diretta dal sindaco di Venezia Conte Filippo Grimani nel 1909, e divenne direttore dei lavori di ricostruzione del paese di Seminara di Palmi in Calabria, terminati nel giugno dello stesso anno. Fu richiamato al servizio militare nel 1917 e prestò servizio nella compagnia del genio del XIII Corpo d'Armata sull'Altopiano di Asiago. Fu tra i fondatori della Cassa di Risparmio nel 1913.
Dal 1924 la fornace fu diretta dal fratello Alfredo con ulteriori riconoscimenti, tra cui quello del 1930 alla Esposizione Mondiale di Barcellona, fino alla seconda guerra mondiale.
Dopo le difficoltà degli eventi bellici gli impianti si rivelarono non più adeguati ai tempi e alle nuove dinamiche dello sviluppo. I prodotti, pur essendo  di ottima qualità, avevano costi di produzione non in linea col mercato. L'impresa avrebbe richiesto ingenti impegni finanziari per rinnovare completamente i macchinari, cosa che non fu possibile affrontare. L'attività continuò fino al 1965. La documentazione amministrativa e tecnica prodotta durante la lunga attività della Fornace Gregorj è raccolta in un archivio che è in fase di riordino e catalogazione. Sono conservati anche documenti personali e scritti inediti lasciati da persone che hanno lavorato nella fornace. Le foto d'epoca usate in queste pagine provengono dalla raccolta iniziata da Gregorio, che fu uno dei primi appassionati fotografi, curata  personalmente sia per lo sviluppo che per la stampa. Sono in fase di riordino le prove d'artista e i materiali che erano a disposizione per gli studi e le proposte. Gregorio procurava personalmente materiale artistico e tecnico ottenendolo da varie fonti, grazie ai suoi numerosi contatti con persone e ambienti culturali anche stranieri.

Fondazione dr.ssa Luisa Gregorj
Via Fagarè 1
Lancenigo di Villorba Treviso
Tel.+39 0422.350193
www.guerra-gregorj.it

 

 
Copyright © 2017 Discover Treviso. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
doctors.com website