Destinazioni

Aree Tematiche

Trova Hotel

Treviso Province
All world cities


Treviso Meteo

Ven Sab Dom Lun

Rete Fiere

Categorie Eventi

Follow us on...

Facebook LinkedIn Twitter YouTube
Banner
Banner
Polenta Veneta PDF Stampa E-mail
polentaLa polenta è il cuore della casa veneta, il simbolo popolare della sua cucina; nel Veneto, si sono sperimentate tutte le variazioni gastronomiche possibili della polenta.
Ci sono varie ricette che ormai si sono consolidate nelle nostre tradizioni. Dalla polenta e osei, polenta e funghi, polenta e baccalà, polenta e speo, polenta e sepe. Alcuni racconti del passato ci danno un’altra fotografia che vede la renga al centro sulla quale i commensali passavano una fetta di polenta per cercare di rubare un po’ del suo gusto. La polenta incontra i più svariati sughi, formaggi cotti, teneri e duri. Una buona polenta morbida accompagnata da un buon formaggio stagionato, ma è anche il caso di dire che non c’è una grigliata degna senza una buona fetta di polenta abbrustolita. Vogliamo provare una polenta pasticciata o più semplicemente polenta e latte. Ci immaginiamo la cottura della farina di mais, macinata in un molino ad acqua, in un paiuolo di rame, appeso alla catena sopra un focolare. Mescolata a dovere fino a versarla su un tagliere rotondo. È un tajer di legno perché così assorbe l’umidità e conserva il calore. Le parti le facciamo tagliandola con un filo di corda.
La polenta si consolidò ai tempi della Serenissima, ma sembra che il mais arrivò a Venezia prima della scoperta delle americhe, direttamente da Costantinopoli. Da qui il nome di granturco. In tempi di carestia risolse non pochi problemi, sebbene il suo consumo fu causa della malattia conosciuta con il nome di pellagra.

www.coldiretti.it
Prima Ricetta: Tortino di polenta

000_0020

Ingredienti:
Polenta: farina di mais giallo g 250
24 fettine di pancetta g 120
formaggio brie g 120 
sale grosso
Contorno: un cespo di cicoria belga
una cipolla, olio extravergine,  sale,  pepe

Per la preparazione:
Polenta: portate a bollore un litro d'acqua, aggiungete una manciata di sale grosso, poi versatevi la farina gialla, a pioggia, mescolando velocemente, a fuoco vivo, per evitare il formarsi di grumi; alla ripresa del bollore, riducete la fiamma e lasciate cuocere la polenta per 50', girandola spesso. Appoggiate intanto su un placca, coperta con carta da forno, 8 anelli (Ø cm 8), rivestiteli internamente con le fettine di pancetta, quindi versatevi la polenta cotta, a strati alternati con fettine di formaggio brie. Passate la placca con gli anelli nel forno,a 200 °C per 10' circa. Contorno: saltate in padella, con un filo d'olio caldo, sale fino e pepe, la cipolla a filetti e la cicoria belga sminuzzata. Sfornate gli anelli e sfilateli dai tortini; serviteli caldi, accompagnati con la cicoria belga stufata.

Seconda Ricetta: Calamaretti in umido con polenta

10199504001_TES001_1

Ingredienti:
calamaretti g 500

polenta a cottura rapida g 375
passata di pomodoro g 250
olio d'oliva - vino bianco secco
scalogno, prezzemolo - sale, pepe

Per la preparazione: Mettete a bollire un litro e mezzo di acqua, salatela, quindi cuocetevi la farina di mais per circa 8', versando la polenta ottenuta in uno stampo ad anello. Mondate e tritate lo scalogno. Fatelo appassire in una padella con 3 cucchiaiate d'olio. Unite i calamaretti puliti, interi, e rosolateli per pochi istanti. Bagnateli con un terzo di bicchiere di vino e lasciatelo evaporare a fiamma viva. Unitevi la passata di pomodoro. Lasciate cuocere per 5 minuti, rigirando ogni tanto con il cucchiaio di legno. Salate poco e completate con una macinata di pepe. Sformate la polenta su un piatto da portata adatto, mettete al centro i calamaretti e completate con prezzemolo tritato.
 
Copyright © 2017 Discover Treviso. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
doctors.com website